Nessuna sanzione ad Alina Kabaeva, moglie segreta di Putin nonostante un maxi stipendio e ville alla famiglia

Dopo la denuncia di un collaboratore di Navalny, il nome della residente svizzera è sparito anche dal sito del National Media Group: è la holding della propaganda di Putin

0
833
alina kabaeva putin svizzera schweiz switzerland

Un maxi stipendio stimato in 785 milioni di rubli (9 milioni di franchi svizzeri) nel 2018. E poi una serie di ville donate a tutta la sua famiglia. Alina Kabaeva, l’ex ginnasta e moglie non più segreta del presidente russo Vladimir Putin, è introvabile nonostante la sua residenza certa con i figli in Svizzera tra Zurigo e Lugano (dove è anche partita una petizione dal titolo «riunite Eva Braun al suo Führer») protetta dai servizi segreti svizzeri, ma pronta a rifugiarsi ad Antigua, in una delle ville dell’Ex Primo Ministro Italiano Silvio Berlusconi. La certezza è che sia riuscita, per ora, a sfuggire alle sanzioni che invece hanno colpito le due figlie ufficiali dello zar russo Putin. Come ha fatto Alina Kabaeva a fuggire dalle sanzioni? Cercando di interrompere qualsiasi tipo di legame con il Cremlino.

esmo-nuclear-medicine-2022

Infatti nelle scorse ore il suo nome è sparito dal sito del Nmg (National Media Group), la holding di amici del Presidente russo Vladimir Putin di cui lei è CEO. Per farle ricoprire questo ruolo, ha spiegato il team di investigatori legati a Navalny, il gruppo aveva anche licenziato il nipote di uno di loro, Yuri Kovalchuk, il presidente e maggior azionista di Bank Rossiya (e per questo considerato il portafoglio del presidente russo Putin). Nelle scorse ore un post di un collaboratore di Navalny, Georgy Alburov, aveva raccontato il patrimonio e le vicissitudine economiche che legavano Alina Kabaeva al presidente russo. È bastato questo per far correre ai ripari l’azienda a cui fanno capo decine di canali tv, emittenti radio e giornali di propaganda russa (fra cui Perviy Kanal, Ren-Tv, Izvesia, Life.ru). Che ha immediatamente cancellato nome e profilo di Alina Kabaeva, che della holding era amministratore delegato. 

Il ruolo nella propaganda russa

Già, perché anche se non è davanti alle telecamere, Alina Kabaeva essendo CEO del gruppo è fondamentalmente il capo della propaganda. Anche di canali televisivi che in questi giorni hanno puntato il dito contro l’Ucraina per la strage di Bucha e giustificato invece l’invasione della Russia. Solo nel 2018, per il suo lavoro alla Nmg, Kabaeva ha percepito 785 milioni di rubli, vale a dire 10 milioni di dollari, 9 milioni di franchi svizzeri. 

Le ville alla famiglia dell’amante di Putin

Detto del ruolo nella propaganda di Putin, il gruppo di Navalny ha pubblicato la lista delle ville che sono legate al nome di Alina Kabaeva. Come quella ricevuta nel 2015 dalla nonna 86enne di Alina, Anna Zatsepilina: un appartamento di 200 metri quadri a San Pietroburgo del valore di 120 milioni di rubli dall’amico di Putin, Gennady Timchenko. Quattro giorni prima l’amante – riporta il gruppo investigativo di Navalny – aveva acquistato un appartamento di 600 metri quadri sull’Arbat a Mosca, del valore di almeno 600 milioni di rubli, dall’amico di infanzia di Putin, Pyots Kolbin. E dall’amico di Rotenberg (compagno di judo di Vladimir Putin) Grigory Bayevsky, che nel giro del Presidente russo ha il compito di distribuire proprietà immobiliari, una villa.

Everything your business needs

Una proprietà di mezzo ettaro nell’esclusivo quartiere della Rublevka con due case del valore di milioni di dollari. In cambio, ha ceduto, attraverso un inetermediario, un suo appartamento di Sochi al nipote di Putin, Mikhail Shelomov. Baevsky ha anche offerto alla sorella di Alina, Leysan, un appartamento di 220 metri quadri del valore di 1,5 milioni di dollari. La madre di Alina Kabaeva invece ha ricevuto da una entità di Gazprom un appartamento di 260 metri quadrati del valore di 12 milioni di dollari. La stessa società, fra l’altro, ha fornito una casa di lusso alla nonna della figlia non riconosciuta di Putin, Luisa Rozova, Nadezhda Krivonogikh. Una casa è arrivata, da Baevsky, perfino ad Alisa Kharcheva, ex studentessa di giornalismo diventata famosa per aver firmato un calendario sexy per Putin. E non è un caso che una delle due figlie riconosciute di Putin Katerina Tikhonova sia residente proprio in un appartamento di Baevsky. 

red bull adv ch news 24
swiss air adv ch news 24