Facebook cancella centinaia di account falsi per “biologi svizzeri”

Meta ha cancellato centinaia di account di un presunto biologo svizzero dopo una presunta campagna di propaganda dalla Cina sui social media. Avevano affermato che gli Stati Uniti stavano interferendo nella ricerca dell'origine della pandemia.

0
233
Facebook Fake News Switzerland
Facebook Fake News Switzerland

La campagna sui social media è stata “in gran parte senza successo” ed era rivolta a gruppi target di lingua inglese negli Stati Uniti e in Gran Bretagna, nonché a persone di lingua cinese a Taiwan, Hong Kong e Tibet, secondo quanto riferito dall’agenzia di stampa Reuters.

Le accuse del presunto “biologo svizzero” Wilson Edwards sono state ampiamente citate dai media statali cinesi a luglio. Ad agosto, diversi giornali cinesi hanno rimosso i commenti e cancellato gli articoli che citavano il presunto biologo. L’ambasciata svizzera a Pechino aveva precedentemente dichiarato di non aver trovato alcuna prova che l’uomo citato fosse cittadino svizzero.PUBBLICITÀ

Centinaia di account falsi sui social media

Meta ha dichiarato che Facebook ha rimosso l’account di Wilson Edwards ad agosto e da allora ha rimosso 524 account Facebook, 20 pagine, quattro pagine di gruppo e 86 account Instagram. Tali eliminazioni rimuovono anche i contenuti creati da questi account, come post o commenti.

“Siamo stati in grado di collegare le attività con le persone nella Cina continentale”, ha detto a Reuters un meta-responsabile. Tra di loro c’erano dipendenti di una società in Cina, così come alcune persone che erano in contatto con società di infrastrutture statali cinesi in tutto il mondo. Il ministero degli Esteri cinese inizialmente non ha rilasciato una dichiarazione.

Gli operatori volevano camuffare le proprie origini

Il 24 luglio, dieci ore dopo la creazione, l’account Facebook “Wilson Edwards” ha caricato un post in cui affermava di essere stato informato che gli Stati Uniti stavano cercando di ottenere le qualifiche degli scienziati dell’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) che avrebbero lavorato con la Cina per indagare sull’origine del coronavirus.

Secondo Meta, gli operatori degli account hanno utilizzato una rete privata virtuale (VPN) per mascherare le proprie origini. Il post originale è stato inizialmente condiviso e apprezzato da falsi account Facebook. Successivamente è stato inoltrato da conti autentici, la maggior parte dei quali apparteneva a dipendenti di società di infrastrutture cinesi in oltre 20 paesi.

L’ambasciata svizzera è intervenuta

“Wilson Edwards” ha impiegato anche l’ambasciata svizzera a Pechino. Ad agosto, ha pubblicato un tweet in cui ha invitato la presunta biologa svizzera a contattarla e ha sottolineato che era più probabile che si trattasse di notizie false.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here